In assenza di consenso informato il medico risponde di danno erariale

Novità

[ archivio novità ]

27/05/2010
IL MEDICO RISPONDE DI DANNO ERARIALE IN ASSENZA DI CONSENSO INFORMATO

Secondo quanto affermato dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti siciliana, con sentenza n. 828/2010, il medico che non ha informato correttamente il paziente sulla caratteristiche e sui rischi di un intervento chirurgico, risponde delle eventuali conseguenze nocive di quest'ultimo, anche se eseguito con la massima diligenza. Così agendo, infatti, egli tralascia quelle cautele che costituiscono lo standard minimo di diligenza richiesto, adottando una condotta caratterizzata da colpa grave e, come tale, sanzionabile dalla magistratura contabile. Secondo la Corte, il medico non può intervenire sul paziente senza avere ricevuto il consenso informato, quale «presupposto ineludibile per un corretto esercizio dell'attività medica».

 

Restituita ai proprietari la casa concessa in comodato anche se in uso all'affidatario Corte di Cassazione, 4 febbraio 2010 n.2653 Ripartite le risorse 2009 per gli sgravi ai contratti di secondo livello Ribasso uniforme ai contributi per la maternita` Divorzio. L'assegno di mantenimento non deve garantire anche gli sfizi! Dissimulazione dell'attivo e arresto della procedura di concordato Stringe l’obbligo della Posta elettronica certificata L'ascensore non può ledere le parti comuni L'OBLAZIONE STERILIZZA LE SANZIONI Il controllo sugli amministratori spetta ai soci