In assenza di consenso informato il medico risponde di danno erariale

Novità

[ archivio novità ]

27/05/2010
IL MEDICO RISPONDE DI DANNO ERARIALE IN ASSENZA DI CONSENSO INFORMATO

Secondo quanto affermato dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti siciliana, con sentenza n. 828/2010, il medico che non ha informato correttamente il paziente sulla caratteristiche e sui rischi di un intervento chirurgico, risponde delle eventuali conseguenze nocive di quest'ultimo, anche se eseguito con la massima diligenza. Così agendo, infatti, egli tralascia quelle cautele che costituiscono lo standard minimo di diligenza richiesto, adottando una condotta caratterizzata da colpa grave e, come tale, sanzionabile dalla magistratura contabile. Secondo la Corte, il medico non può intervenire sul paziente senza avere ricevuto il consenso informato, quale «presupposto ineludibile per un corretto esercizio dell'attività medica».

 

BENI STRUMENTALI AMMESSI SOLO SE INDISPENSABILI l'attività di consulente tributario esclude quella di giudice SI ALL'ICI ANCHE PER I TERRENI NON PIU' FABBRICABILI INNOVAZIONE DELLA DISCIPLINA DELLA REVISIONE LEGALE separazione coniugi. Possibilità di pronuncia parziale Corte di Cassazione 20 gennaio 2011 n.1343 Corte di Cassazione, Sezioni Unite, 14 luglio 2010 n.16508 Gerico non esclude gli aumenti GRATUITO PATROCINIO SENZA SOLDI Corte di Cassazione 18 gennaio 2011 n.1083