In assenza di consenso informato il medico risponde di danno erariale

Novità

[ archivio novità ]

27/05/2010
IL MEDICO RISPONDE DI DANNO ERARIALE IN ASSENZA DI CONSENSO INFORMATO

Secondo quanto affermato dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti siciliana, con sentenza n. 828/2010, il medico che non ha informato correttamente il paziente sulla caratteristiche e sui rischi di un intervento chirurgico, risponde delle eventuali conseguenze nocive di quest'ultimo, anche se eseguito con la massima diligenza. Così agendo, infatti, egli tralascia quelle cautele che costituiscono lo standard minimo di diligenza richiesto, adottando una condotta caratterizzata da colpa grave e, come tale, sanzionabile dalla magistratura contabile. Secondo la Corte, il medico non può intervenire sul paziente senza avere ricevuto il consenso informato, quale «presupposto ineludibile per un corretto esercizio dell'attività medica».

 

Controlli esplorativi dalla Guardia di Finanza. Studi, tornano le lettere IL CODICE SUL RITO AMMINISTRATIVO IN VIGORE DA SETTEMBRE IL PAGAMENTO AL FISCO NON BLOCCA IL SEQUESTRO deducibilita' irap RICHIESTA DI RIMBORSO IVA DALLA CURATELA Nuova contabilizzazione negli accordi per servizi in concessione Casa assegnata: subito al registro CONTRATTO SOCIETARIO. TRASFERIMENTI QUOTE S.R.L. AL COPERTO GLI ACCORDI SUL DEBITO